Più numerosa la famiglia e più sei povero

Il recente annuario statistico italiano pubblicato qualche giorno fa dall’ISTAT fotografa la situazione italiana evidenziandone luci ed ombre. Nella sintesi, relativamente allo stato delle famiglie, emergono alcuni dati su cui i prossimi candidati a Camera e Senato dovrebbero riflettere bene:

  1. L’Italia invecchia sempre di più: ogni 100 under 15 ci sono 165 over 65;
  2. Diminuisce l’aborto volontario, ma anche la fecondità media delle donne (1,35 figli per donna);
  3. Aumentano i matrimoni, ma aumentano significativamente i divorzi;
  4. Aumentano i single (dal 20,5 al 31,6%) e diminuiscono le famiglie con 5 o più componenti (dall’8,1 al 5,4%).
  5. L’anno scolastico 2015/2016 registra 62.273 studenti in meno;
  6. Le retribuzioni orarie contrattuali segnano un nuovo minimo storico (+0,6%);
  7. Ogni 100 famiglie 8 sono in condizione di povertà assoluta;
  8. Chi peggiora ulteriormente la condizione economica sono le famiglie numerose con 3 o più figli minori (dal 18,3% del 2015 al 26,8% del 2016).

Auspichiamo che la prossima legislatura sia composta da persone che pongano più attenzione verso la famiglia italiana, in attuazione degli artt.29-30-31 della Costituzione. Crediamo che su presunti diritti individuali, e su leggi che parcellizzano l’istituto familiare, si sia speso fin troppo tempo. I dati parlano chiaro. Attendiamo politici che ci vedano chiaro.